Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

Pellitteri's Day!!! Il nostro studente  GIAMPIERO SPINELLI  è tra i premiati di quest'anno per il "Pollicione d'Oro" al merito!

 

 

Assemblea d'Istituto della scuola superiore sul tema della bellezza e dei sogni, con l'intervento del missionario don Francesco e dell'ex alunno Mirko Uber con le sue canzoni.

 

Quattro alunni della nostra scuola sono in questi giorni a Rimini per il convegno nazionale degli studenti cattolici.
Nel primo intervento il prof. Vicentini ha parlato del complesso mondo della costituente e del DNA della Costituzione.

A seguire è stata illustrata la figura e il ruolo di Alcide De Gasperi, grazie al dottor Odorizzi, presidente dell'associazione De Gasperi di Trento.
Nel pomeriggio l'argomento principe è stato "il social network" con l'interessantissimo intervento del professor Cappa.

 

Teresa Lorenzi, Angela Lorenzini, Roberto Scottini, Syria Stenghel, Pietro Ravagni e Arianna Marcon, alcuni alunni delle classi Quinte Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione Sacro Cuore, hanno partecipato al Viaggio della memoria, che si è svolto dal 2 all'8 febbraio 2017. Dopo aver seguito un impegnativo ed intenso percorso di formazione organizzato dall'Associazione Deina, hanno visitato - assieme a circa 700 ragazzi provenienti da molte regioni italiane e dal Tirolo -  il campo di sterminio di Auschwitz: un'esperienza profondamente coinvolgente, che hanno raccontato in un  blog dal titolo "Diario della Memoria".

Ecco il link dove potrete trovare le loro testimonianze, i loro pensieri, le loro riflessioni: https://diariodellamemoria.wordpress.com

 

 

Il giorno lunedì 6 febbraio 2017 gli alunni della classe 5^GS dell’Istituto Sacro Cuore di Trento si sono recati al teatro San Marco per partecipare allo spettacolo teatrale “Stupidorisiko” ideato dai volontari di Emergency.
Lo spettacolo vuole essere una critica ragionata e ironica della guerra e delle sue conseguenze. Il racconto parte dalla Prima Guerra Mondiale per arrivare ai conflitti contemporanei, citando episodi storici emblematici della stupidità della guerra.
Il racconto, rappresentato sul palco dall’attore Mario Spallino, spiega ogni singola battaglia con alcuni episodi che caratterizzano e rappresentano, in modo significativo, la stupidità della guerra. Infatti Spallino cerca di raccontare la storia sotto l’aspetto delle vittime, con specifiche documentazioni, in modo da far conoscere ai giovani l’impegno di Emergency.
La scenografia era molto semplice, infatti era formata solo da una cartina geografica che illustrava tutto il mondo, ma allo stesso tempo molto utile perché in grado di aiutare ad individuare i luoghi coinvolti dalle singole guerre e a cogliere le informazioni principali. Fra queste ne resta impressa nella mente una in particolare: la tragedia che coinvolge molte persone innocenti, anche dopo che la guerra sembra apparentemente finita, delle mine antiuomo. Lo scopo fondamentale dello spettacolo è quello di promuovere la conoscenza della storia di chi è vissuto o vive in situazioni di guerra. Proprio da questo bisogna partire per la conquista della pace, in modo che questi drammi non accadano più.
L’attore ha saputo raccontare la storia senza annoiare e ha mantenuto costanti l’attenzione e la curiosità degli studenti che lo hanno molto apprezzato, alla fine della rappresentazione è seguito un piccolo dibattito con alcune domanda rivolte all'interprete.

Si è svolta oggi, 7 febbraio 2017,  presso il nostro Istituto la celebrazione ufficiale della giornata internazionale del Safer Internet Day 2017 e l' avvio del Safer Internet Month trentino 2017 alla presenza di Sara Ferrari, Assessora provinciale all’Università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo, di Daniela Longo, Difensore civico e Garante dei minori, di Luciano Malfer dirigente dell’Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili, Giovanna Baldissera, responsabile dell’iniziativa per l'Agenzia per la famiglia e Nicoletta Zanetti del Dipartimento della conoscenza.

 

Alcuni alunni hanno partecipato al Memowalk,  passeggiata audio-guidata alla scoperta dei luoghi della memoria di Trento che furono teatro dei fatti della Seconda Guerra mondiale per tenere traccia di quello che è stato e per contribuire ad ampliare la sensibilità della comunità verso il proprio territorio.

Logo memowalk imagefullwide

Mercoledì 1 febbraio le classi seconda e terza del Liceo delle Scienze umane, accompagnate dalla professoressa M. Clauser e dal professor M. Francese sono andate a visitare la preziosa biblioteca dei Francescani di Trento. Lì hanno potuto ascoltare un interessante approfondimento sul libro antico e sulla storia della censura ecclesiastica.

 

Si è svolta oggi presso il Teatro San Marco l’assemblea di istituto della scuola superiore. La mattinata è stata suddivisa in due parti: nella prima i ragazzi hanno partecipato ad una lezione-spettacolo sull’Olocausto realizzata e condotta da Massimo Lazzeri, attore teatrale e direttore del teatro stesso. Con questa interessante iniziativa gli alunni dell'Istituto attraverso brani letterari, documenti storici e contributi cinematografici potranno riflettere e approfondire questo grande dramma del secolo scorso, in occasione della celebrazione annuale per le giornate della Memoria e del Ricordo. 
Dopo un intermezzo musicale, a cura di alcuni studenti della scuola, ci sono stati gli interventi di Gianluigi Rosa, uno sportivo che dopo un grave incidente e la perdita di una gamba, è riuscito a ricostruirsi una vita e ha partecipato alle Paraolimpiadi invernali nella specialità Ice Sledge Hockey, di Marina Panella, volontaria Emergency dal titolo: “Il corpo martoriato come emblema della sottrazione di umanità” e di un gruppo di alunni che giovedì 2 febbraio parteciperanno al Treno della Memoria, sulle orme dello sterminio degli ebrei.

 

 

Quest'anno il Festival della famiglia, che ha come tema: "Denatalità, giovani e famiglie", ha dedicato la giornata di apertura alle scuole con un incontro di riflessione e di presentazione di iniziative e opportunità per i giovani. La nostra scuola era presente sotto più vesti: le classi del liceo in platea, le alunne del tecnico a fare il servizio di Hostess, alcuni alunni del grafico per le foto e le riprese video. Sono stati tutti bravi, attenti e soddisfatti!!

 

 

Libriamoci al Sacro Cuore

In occasione della terza edizione di Libriamoci: giornate di lettura nelle scuole, l’Istituto Sacro Cuore ha organizzato vari eventi nel corso della settimana dal 24 al 29 ottobre. L’iniziativa, che si è svolta a livello nazionale, èstata promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) – attraverso il Centro per il libro e la lettura - e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) –Direzione generale per lo studente.

Nel nostro Istituto la settimana è cominciata lunedì 24 con l'intervento di Massimo Lazzeri, attore e direttore del teatro San Marco di Trento, che ha proposto a tutti gli studenti la lettura ad alta voce di brani scelti da opere della letteratura contemporanea.

 Le classi sono state coinvolte in momenti distinti con letture selezionate per ogni ciclo di studi. Nella prima parte della mattina l'attore ha letto e recitato per le classi del Biennio i testi di Dino Buzzati, da La boutique del mistero: “Il colombre”, “Il mantello”e “La giacca stregata”;

di Roald Dahl, dal libro Storie impreviste: “Cosciotto d’agnello” e di

Giovanni Mosca, da Ricordi di scuola: “La conquista della V C”. I ragazzi hanno mostrato interesse e partecipazione.

È arrivato poi il turno delle classi III e IV, alle quali Lazzeri ha proposto brani scelti di Alan Bennett, dal romanzo Nudi e crudi. La comicità e l’ironia dello scrittore hanno coinvolto in maniera appassionata i ragazzi che, intervistati dopo la lezione, hanno espresso il loro apprezzamento per il testo. Alcuni alunni hanno colto il fatto che la storia, dall’apparente intreccio brillante e comico, nascondeva in realtà un messaggio molto profondo legato alle problematiche della vita quotidiana di tante persone, scoprendo così che un romanzo può essere divertente e allo stesso tempo in grado di stimolare le capacità critiche di ognuno.

A concludere la mattinata sono state le classi quinte. A loro l’attore ha proposto dei brani tratti dai libri di: Antonio Tabucchi, Notturno indiano;

Lella Costa, In tournée, passi scelti dal monologo “Un’altra storia”;

Italo Calvino, da Ultimo viene il corvo: “Furto in una pasticceria”: Alla fine dell' interpretazione, Lazzeri ha voluto rendere omaggio a Dario Fo e Franca Rame proponendo un testo inedito di quest’ultima: ”Adamo e Eva”, che era stato letto il giorno del funerale dell’attrice dal marito e premio Nobel scomparso di recente. Gli alunni hanno assistito con interesse, sorridendo e riflettendo a seconda del brano che Massimo Lazzeri proponeva loro di volta in volta; i testi sicuramente erano calibrati per un pubblico più maturo che si appresta a concludere un ciclo di studi. Diversi studenti hanno affermato che la lezione-spettacolo è stata utile anche per arricchire le proprie conoscenze culturali ed essere annoverata fra le esperienze da utilizzare, se richieste all’esame di maturità.

L’attore Massimo Lazzeri, che collabora con la nostra scuola da qualche anno, ha colpito tutti per la sua bravura e professionalità; i ragazzi e anche gli insegnanti presenti alla fine lo hanno ringraziato augurandosi di poter assistere ad altri suoi interventi in future collaborazioni.

La settimana di Libriamoci presso l’Istituto Sacro Cuore è proseguita anche con altre due iniziative: mercoledì 26 alcune ragazze della II Liceo delle scienze umane si sono recate presso le scuole elementari del nostro Istituto per leggere ai bambini delle classi II alcuni brani tratti da “Alice nel paese delle meraviglie”; mentre la IV S dell'Istituto grafico, sempre il 26 ottobre, ha iniziato il progetto Think Different Cover in collaborazione con la libreria Arcadia di Rovereto. Gli alunni, dopo aver scelto e letto un libro proposto dal libraio Giorgio Gizzi, dovranno riprogettarne la copertina. Si misureranno così in un vero e proprio progetto multidisciplinare, con simulazione della consegna da parte di un committente e monitoraggio del processo, sottolineando nel contempo come preparazione tecnica e culturale debbano procedere di pari passo.

La classe 4S Grafica e Comunicazione, coordinata dai docenti Maddalena Bolner, Giuseppe Ladone e da una figura esperta nel settore della comunicazione, ha partecipato a un’iniziativa promossa da Confartigianato Comunicazione dal titolo

DALL’IDEA LA CREAZIONE,

DAL RACCONTO L’EMOZIONE

I giovani comunicano l’artigianato

Ai nostri alunni è stato chiesto di progettare un piano di comunicazione integrata relativo ad un prodotto di arte bianca realizzato dagli studenti dell’Istituto Alberghiero di Rovereto.

Il progetto è stato presentato durante l’evento pubblico che si è tenuto al MUSE il 25 novembre 2016. In quell’occasione si è svolta anche la cerimonia di premiazione.

 

https://www.youtube.com/watch?v=qzEWvizFoy0

(dal minuto 50 a 1.08 circa)

 

"Le classi 5 Istituto Grafica e Comunicazione A e C, accompagnate dalla prof. Fabiana Cosatto hanno visitato l'interessante mostra fotografica "La guerra bianca" presso Palazzo delle Albere".

 

Oggi, 18 novembre 2016, la classe IV grafico S dell'Istituto Sacro Cuore, accompagnata dal prof. Ventroni, ha partecipato alla mostra laboratoriale dal titolo: " Un'avventura un'arte ", promossa dalla biblioteca comunale di Trento, sull'evoluzione del libro nella storia, dal volumen alle edizioni a stampa. I ragazzi hanno così potuto visionare e toccare con mano i numerosi ed antichi esemplari conservati nella biblioteca cittadina, restandone sorpresi ed affascinati. Il progetto si è dimostrato utile e anche in linea con il percorso di studi grafici degli alunni.

Mercoledì 12/10/2016

In occasione del Religion Today Filmfestival, la rassegna cinematografica sul dialogo interreligioso, arrivata alla sua 19° edizione, i ragazzi della V Grafico S, accompagnati dal prof. Ventroni, hanno partecipato alla proiezione della rassegna Santi Caporali sul tema: "Migrazioni e convivenza". La tematica si rivelava adatta sia al programma di Storia dell'ultimo anno di corso sia alla sensibilizzazione dei ragazzi su tematiche attuali e sempre più "quotidiane". Sono stati affrontati anche i temi relativi al bullismo e alla legalità. Gli alunni sono apparsi fortemente colpiti e interessati durante la visione e sono intervenuti in modo pertinente al dibattito che è seguito subito dopo.
Qualche mese prima, i ragazzi di V GS e V A dell'Istituto Sacro Cuore avevano collaborato con il Festival, come da tradizione ormai consolidata, per la realizzazione della rivista, curando la parte grafica e alcuni testi.

Anche quest’anno due classi dell’Istituto Sacro Cuore hanno collaborato con il Religion Today Filmfestival (Trento 7-17 ottobre 2016).

La classe 5 S Istituto Grafica e Comunicazione ha realizzato alcune proposte per il pieghevole informativo del Festival destinato alle scuole del Trentino; la direzione artistica di Religion Today ha scelto, tra esse, il lavoro dell’alunno Giordano Toniolli, che rappresenta efficacemente il tema dell’edizione di quest’anno, “Religioni e relazioni di genere”.

Gli alunni della classe 5 A dello stesso indirizzo hanno scritto per REC, la rivista del Festival, le recensioni di alcuni film e documentari in concorso ed hanno intervistato alcuni ospiti della Kermesse.

Il giorno 27 luglio 2016 sono stati premiati alcuni alunni della classe 5A dell'Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione per il Concorso

 

PREMIO ROTARY PER I GIOVANI 2016Premio Rotary-rev00
Bando concorso per gli studenti degli Istituti Superiori

 

 RISULTATI FINALI DEL BANDO

Si pubblicano di seguito 8 video sviluppati dagli studenti, risultato del buon lavoro di squadra di una classe dell'Istituto Artigianelli di Trento.

   - Filmato n 1 - link.
   - Filmato n 2 - link.
   - Filmato n 3 - link.
   - Filmato n 4 - link.
   - Filmato n 5 - link.
   - Filmato n 6 - link.
   - Filmato n 7 - link.
   - Filmato n 8 - link.

L’Istituto Figlie del Sacro Cuore ha ospitato nella mattinata di venerdì 8 Aprile il primo appuntamento delle “Conversazioni d’arte”, ciclo di due incontri con Tiziana Sembianti, pittrice trentina specializzata nella realizzazione di copie di capolavori della pittura europea, recentemente esposte alla personale “Tiziana Sembianti. Capolavori allo specchio” presso il Museo Fondazione Luciana Matalon di Milano.

L’iniziativa, che si è svolta nello spazio di rappresentanza dell’Istituto, l’Aula Rossa, ed è riservata alle classi IV e V del Liceo delle Scienze umane, ha costituito l’occasione per assistere alla presentazione di una vera e propria storia cromatica, un viaggio nel mondo dell’arte attraverso un punto di vista originale. Dalla Preistoria al Medioevo, Tiziana Sembianti ha mostrato il primato di certi colori in un determinato tempo e ha riassunto le caratteristiche essenziali delle tendenze filosofico - religiose alla base delle due concezioni antitetiche del colore nel Medioevo: da una parte quella derivata dal pensiero di Sant’Agostino, che fa della luce e quindi del colore un elemento divino; dall’altra la riflessione di San Bernardo, per il quale il colore è materia ricoprente, pericolosa. L’appuntamento si è concluso alle soglie del Cinquecento, con la presentazione di due capolavori: il “Cavaliere, la morte e il diavolo” di Dürer e il “Ritratto di Giulio II” di Raffaello.

Il secondo incontro, che analizzerà il simbolismo del colore dal Cinquecento all’età contemporanea, si terrà venerdì 15 Aprile.

 

Oggi martedì 12 aprile la classe IV grafico S, accompagnata dai professori Facchinelli e Ventroni, ha effettuato viaggio d'istruzione a Milano. I ragazzi hanno potuto visitare il Castello Sforzesco, esempio di storia e arte rinascimentale, attraverso Il percorso che mette in connessione le merlate con la parte più affascinante dell'edificio, ammirando così l’architettura ricca ed elegante degli ambienti della Corte ducale. La seconda parte della visita si è svolta nelle sale sforzesche, dalla sala delle Asse di Leonardo da Vinci alla cappella Ducale, passeggiando tra capolavori di scultura quali la Pietà Rondanini di Michelangelo.
Dopo il pranzo, durante il pomeriggio la visita è proseguita al Duomo, fra le vie del centro e ai monumenti più rappresentativi (galleria Vittorio Emanuele II, Teatro della Scala, casa del Manzoni. I ragazzi sono rimasti contenti di questa nuova esperienza che va ad arricchire il loro percorso di studi grazie al nostro istituto.

 

Le testimonianze dei nostri alunni

Jessica (4^ Liceo Scienze Umane)
Dall'11 al 13 marzo si è svolto a Fiuggi il sesto seminario Nazionale di Giornalismo, intitolato "L'arte di trasmettere, cioè che conta dentro il reale", a cui abbiamo partecipato grazie alla nostra scuola che ce ne ha dato la possibilità. 
Ancora prima di partire è nata in ognuno di noi una grande curiosità, accompagnata dall'entusiasmo per questa nuova esperienza. 
Anche se il giornalismo non sarà forse la strada che intraprenderemo in futuro, abbiamo comunque potuto ampliare le nostre conoscenze, fare nuove amicizie con dei ragazzi provenienti da tutta l'Italia e, soprattutto, sperimentare cosa significhi davvero lavorare nel mondo dei media e della comunicazione. 
Tutto questo è stato reso possibile da alcuni ragazzi del MSC (Movimento Studenti Cattolici), che, con grande senso di iniziativa e altrettanta precisione, hanno saputo organizzare al meglio il programma che ci avrebbe accompagnato durante questi tre giorni. 
Oltre a presentarci le iniziative ideate proprio "dai giovani per i giovani", quali ad esempio la MSC TV, oppure il mensile "Educazione&Libertà", hanno saputo concordare tre interventi con dei giornalisti di un certo spessore e notorietà, come Mariolina Sattanino, responsabile della struttura Rai Quirinale, Mimmo Muolo, vaticanista di "Avvenire" e Martino Merigo, un giovane ventottenne che ricopre un'importante carica all'interno dell'ufficio stampa del Quirinale. Dalle loro testimonianze lavorative abbiamo potuto trarre allo stesso tempo degli insegnamenti tecnici e dei consigli pratici inerenti al mondo del lavoro. 
È stata certamente un'esperienza con un riscontro estremamente positivo; siamo tornati a casa con un bagaglio culturale più ampio e con dei nuovi amici con cui condividere le nostre passioni e i nostri ideali. 
Per concludere al meglio il nostro soggiorno in Lazio, domenica abbiamo trascorso un paio di ore a Roma.  
Grazie ad una suora dell'ordine di Maria Bambina, conosciuta al convegno, ci è stato concesso il privilegio di poter salire sulla terrazza di loro proprietà, solitamente noleggiata dalla BBC per i servizi televisivi, situata proprio al di sopra del colonnato della basilica di San Pietro. 
La vista era mozzafiato e ci ha senz'altro garantito un perfetto "finale in bellezza". 

Alessia (4^ Tecnico per il Turismo): 

"Questi tre giorni a Fiuggi, a mio parere, sono stati molto utili secondo diversi punti di vista. Infatti ho potuto sperimentare in modo diretto cosa voglia dire realizzare e commentare un articolo di giornale o, più in generale, lavorare nel mondo della comunicazione. Oltre a questo, anche gli incontri che abbiamo fatto sono stati veramente costruttivi ed interessanti".

Anna (4^ Grafica e Comunicazione):

"Dal 11 al 13 marzo c’è stato il Seminario di giornalismo presso Fiuggi. Questa esperienze è stata per me interessante, memorabile e significativa. Questo seminario mi ha insegnato come è il mondo del giornalismo e come deve essere un buon giornalista. Nel mio campo di grafica è stata molto utile l’intervento di Martino Merigo sulla comunicazione. Mariolina Sattanino la direttrice Rai Quirinale ha raccontato la sua carriera e mi molto colpito la sua tenacia nel realizzare il suo sogno di diventare giornalista e di quanti sacrifici ha fatto. Sabato mattina i ragazzi che collaborano nel Movimento studenti cattolici hanno spiegato cosa fanno e mi ha sorpreso quanto impegno ci mettono per questo movimento e quanto mi hanno coinvolto in questa esperienza. Questi giorni mi hanno fatto riflettere che nella vita con un pò di impegno e costanza puoi realizzare tutti i tuoi sogni".

Gianpiero(4^Grafico e Comunicazione)

"Durante questi tre giorni a Fiuggi, oltre ad esserci divertiti, abbiamo anche imparato molto. Abbiamo imparato le basi della comunicazione, senza essere presenti a una noiosa lezione scolastica, ma insieme ad altri ragazzi della nostra stessa età, dialogando, perché per attirare i ragazzi, l'evento, l'articolo, il soggetto deve essere pensato, preparato ed esposto da ragazzi. Abbiamo imparato anche le basi del giornalismo. Abbiamo capito cosa deve fare un giornalista e quali sono i punti obbligatori che deve seguire. Abbiamo incontrato due giornalisti (Mariolina Sattanino e Mimmo Muolo) ed un impiegato del Quirinale che è arrivato dov'è, partendo da questa scuola di giornalismo. Tutto questo lo abbiamo fatto divertendoci. Un grazie alla scuola che ha aderito all'iniziativa e ha anche investito su di noi.

 

Premiazione Concorso Rotaract

L’Associazione Rotaract di Trento, branca giovanile del Rotary Club, lo scorso ottobre ha commissionato agli alunni della IV grafico dell’Istituto Sacro Cuore un lavoro per la realizzazione di una nuova veste grafica del proprio logo e del display roll up.

Si è trattato di un vero e proprio concorso che ha visto varie fasi di realizzazione.

In un primo momento i ragazzi hanno potuto conoscere gli ideali che motivano il Club e gli obiettivi e i fini che questo persegue. Il Rotaract accresce il senso civico dei giovani, affina la loro capacità di leadership e di comunicazione, svolge una funzione sociale e culturale nell’ambito della comunità e promuove la comprensione internazionale.

Con il sostegno del professor Ventroni, docente di Italiano e Storia, partendo dal motto del Rotary: Service above self, una frase che significa letteralmente servire al di sopra di ogni interesse personale, gli alunni hanno approfondito e studiato i temi del Rispetto, Tolleranza, Solidarietà e Responsabilità.

In una seconda momento, il progetto è passato alla fase di realizzazione grafica sotto la guida e il coordinamento della professoressa Maddalena Bolner, docente di Progettazione multimediale.

Quindi, tutti gli alunni hanno realizzato un logo motivandone l’ideazione e progettazione. I ragazzi hanno aderito e partecipato all’evento con tanto entusiasmo, serietà ed impegno.

Alla fine del lavoro, la giuria del Rotaract, dei ventitre loghi prodotti ne ha selezionati tre e fra questi, il giorno 02 febbraio presso lo stesso Istituto, ne ha  scelto uno come vincitore, quello realizzato dalla studentessa Anna Faes; il logo diverrà per tanti anni il segno distintivo del Club. Al secondo posto si è classificato Gianpiero Spinelli, seguito da Giulio Boccardi.

Tuttavia,  grazie alla generosità dell’associazione, tutti e tre i finalisti hanno vinto il premio messo in palio per l’occasione: un corso presso la LABA (Libera Accademia Belle Arti) di Torbole sulla grafica del disegno e del fumetto, un occasione veramente importante per questi ragazzi e per il loro futuro come periti grafici e della comunicazione, obiettivo che raggiungeranno alla fine del loro percorso di studi all’Istituto Sacro cuore di Trento, l’unico nel Trentino a rilasciare questo titolo.

Giornata della Memoria – Giornata del Ricordo

Martedì 2 febbraio, dalle ore 9:00 alle 11:00, tutte le classi della scuola secondaria di secondo grado dell'Istituto Sacro Cuore di Trento, in occasione della celebrazione annuale per le giornate della Memoria e del Ricordo, si sono recate al Teatro San Marco per la  rappresentazione teatrale: "Guerra e pane - Se questi sono uomini". Spettacolo ideato e interpretato da Massimo Lazzeri assieme alla compagnia il Teatro delle quisquilie.

Lo spettacolo racconta di Gino che fa parte di una famiglia qualunque di un paese del Trentino.

Ha combattuto nella Grande Guerra e, quando ritorna a casa, riesce a realizzare il suo sogno: diventare un panettiere.

Dopo qualche anno, durante il regime fascista al potere, Gino viene richiamato alle armi, ma l’uomo ritiene di essersi già speso abbastanza per la Patria e non ha nessuna intenzione di combattere di nuovo; preferisce opporsi e per questo viene trasportato in un campo di concentramento. Gino vede arrivare e morire ogni giorno centinaia di persone, ma decide che non farà la stessa fine…

Il testo, le canzoni e i video sono originali, ma ispirati agli scritti di Primo Levi, Vasilij Grossman ed Elisa Springer, oltre che a storie di persone non note sopravvissute ai campi di concentramento.

Con questa interessante iniziativa gli alunni dell'Istituto hanno potuto, attraverso la rappresentazione  teatrale, riflettere e approfondire su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti e così ricordare , assieme a questa, tutte le tragedie, come quella delle Foibe, che alcuni uomini hanno perpetrato a danno di altri essere umani, affinché simili eventi non possano mai più accadere.

Sottocategorie